Esaù figlio di Isacco, Ebrei 11:20 e Genesi 25:19-34

Il ribelle gemello maggiore di Giacobbe.
Esaù era un cacciatore che vendé la primogenitura al fratello minore per del cibo.
Esaù era il figlio favorito di Giacobbe.

Lettura della Bibbia:

Ebrei 11:20
20 Per fede Isacco benedisse Giacobbe ed Esaù anche riguardo a cose future.

e

Esaù

Nascita di Esaù e di Giacobbe

25:19 Questa è la discendenza di Isacco, figlio di Abramo. Abramo aveva generato Isacco.
20 Isacco aveva quarant’anni quando si prese in moglie Rebecca, figlia di Betuàl l’Arameo, da Paddan-Aram, e sorella di Làbano l’Arameo. 21 Isacco supplicò il Signore per sua moglie, perché essa era sterile e il Signore lo esaudì, così che sua moglie Rebecca divenne incinta. 22 Ora i figli si urtavano nel suo seno ed essa esclamò: «Se è così, perché questo?». Andò a consultare il Signore. 23 Il Signore le rispose:
«Due nazioni sono nel tuo seno
e due popoli dal tuo grembo si disperderanno;
un popolo sarà più forte dell’altro
e il maggiore servirà il più piccolo».
24 Quando poi si compì per lei il tempo di partorire, ecco due gemelli erano nel suo grembo. 25 Uscì il primo, rossiccio e tutto come un mantello di pelo, e fu chiamato Esaù. 26 Subito dopo, uscì il fratello e teneva in mano il calcagno di Esaù; fu chiamato Giacobbe. Isacco aveva sessant’anni quando essi nacquero.

27 I fanciulli crebbero ed Esaù divenne abile nella caccia, un uomo della steppa, mentre Giacobbe era un uomo tranquillo, che dimorava sotto le tende. 28 Isacco prediligeva Esaù, perché la cacciagione era di suo gusto, mentre Rebecca prediligeva Giacobbe.

Esaù cede il diritto di primogenitura

29 Una volta Giacobbe aveva cotto una minestra di lenticchie; Esaù arrivò dalla campagna ed era sfinito. 30 Disse a Giacobbe: «Lasciami mangiare un po’ di questa minestra rossa, perché io sono sfinito». Per questo fu chiamato Edom. 31Giacobbe disse: «Vendimi subito la tua primogenitura». 32 Rispose Esaù: «Ecco sto morendo: a che mi serve allora la primogenitura?». 33 Giacobbe allora disse: «Giuramelo subito». Quegli lo giurò e vendette la primogenitura a Giacobbe. 34 Giacobbe diede ad Esaù il pane e la minestra di lenticchie; questi mangiò e bevve, poi si alzò e se ne andò. A tal punto Esaù aveva disprezzato la primogenitura.
Genesi 25:19-34

Lettura di fondo Genesi 25:19-34, Genesi 27:30-40, 33:1-28 e 36:1-40

altre informazioni:

Esaù fece le cose a modo suo, non come il fratello minore che faceva tutto come voleva Dio. Esaù (Ebraico peloso) l’uomo che perse la sua eredità perché era più interessato nel momento presente che nel futuro.


Altri moduli di questa unità: - Other modules in this unit: