12 Figli, Giacobbe benedice i sui 12 figli Genesi 49:1-28

Giacobbe benedice i suoi dodici figli prima di morire.

I suoi figli si chiamavano:

  • Ruben — che significa: Vedi, un figlio — sua madre era Lia
  • Simeone — che significa: Ha ascoltato — sua madre era Lia
  • Levi — che significa: Si attaccherà — sua madre era Lia
  • Giuda — che significa: Renderò lode — sua madre era Lia
  • Issacar — che significa: Un premio — sua madre era Lia
  • Zàbulon — che significa: Onore — sua madre era Lia
  • Gad — che significa: Buona fortuna — sua madre era Zilpa, schiava di Lia
  • Aser — che significa: La mia felicità — sua madre era Zilpa, schiava di Lia
  • Giuseppe — che significa: Aggiungi — sua madre era Rachele
    — I due figli di Giuseppe che Giacobbe benedisse insieme ai suoi figli erano:
    Manasse — che significa: Colui che fa dimenticare
    Efraim — che significa: Doppia abbondanza
  • Beniamino — che significa: Figlio della destra sua madre era Rachele
  • Dan — che significa: Mi ha reso giustizia — sua madre era Bila, schiava di Rachele
  • Nèftali — che significa: Ho lottato — sua madre era Bila, schiava di Rachele

Lettura della Bibbia:

Giacobbe benedice i suoi 12 figli

Benedizioni di Giacobbe

49:1 Quindi Giacobbe chiamò i figli e disse: «Radunatevi, perché io vi annunzi quello che vi accadrà nei tempi futuri.
2 Radunatevi e ascoltate, figli di Giacobbe,
ascoltate Israele, vostro padre!
3 Ruben, tu sei il mio primogenito,
il mio vigore e la primizia della mia virilità,
esuberante in fierezza ed esuberante in forza!
4 Bollente come l’acqua, tu non avrai preminenza,
perché hai invaso il talamo di tuo padre
e hai violato il mio giaciglio su cui eri salito.
5 Simeone e Levi sono fratelli,
strumenti di violenza sono i loro coltelli.
6 Nel loro conciliabolo non entri l’anima mia,
al loro convegno non si unisca il mio cuore.
Perché con ira hanno ucciso gli uomini
e con passione hanno storpiato i tori.
7 Maledetta la loro ira, perché violenta,
e la loro collera, perché crudele!
Io li dividerò in Giacobbe
e li disperderò in Israele.
8 Giuda, te loderanno i tuoi fratelli;
la tua mano sarà sulla nuca dei tuoi nemici;
davanti a te si prostreranno i figli di tuo padre.
9 Un giovane leone è Giuda:
dalla preda, figlio mio, sei tornato;
si è sdraiato, si è accovacciato come un leone
e come una leonessa; chi oserà farlo alzare?
10 Non sarà tolto lo scettro da Giuda
né il bastone del comando tra i suoi piedi,
finché verrà colui al quale esso appartiene
e a cui è dovuta l’obbedienza dei popoli.
11 Egli lega alla vite il suo asinello
e a scelta vite il figlio della sua asina,
lava nel vino la veste
e nel sangue dell’uva il manto;
12 lucidi ha gli occhi per il vino
e bianchi i denti per il latte.
13 Zàbulon abiterà lungo il lido del mare
e sarà l’approdo delle navi,
con il fianco rivolto a Sidòne.
14 Issacar è un asino robusto,
accovacciato tra un doppio recinto.
15 Ha visto che il luogo di riposo era bello,
che il paese era ameno;
ha piegato il dorso a portar la soma
ed è stato ridotto ai lavori forzati.
16 Dan giudicherà il suo popolo
come ogni altra tribù d’Israele.
17 Sia Dan un serpente sulla strada,
una vipera cornuta sul sentiero,
che morde i garretti del cavallo
e il cavaliere cade all’indietro.
18 Io spero nella tua salvezza, Signore!
19 Gad, assalito da un’orda,
ne attacca la retroguardia.
20 Aser, il suo pane è pingue:
egli fornisce delizie da re.
21 Nèftali è una cerva slanciata
che dà bei cerbiatti.
22 Germoglio di ceppo fecondo è Giuseppe;
germoglio di ceppo fecondo presso una fonte,
i cui rami si stendono sul muro.
23 Lo hanno esasperato e colpito,
lo hanno perseguitato i tiratori di frecce.
24 Ma è rimasto intatto il suo arco
e le sue braccia si muovon veloci
per le mani del Potente di Giacobbe,
per il nome del Pastore, Pietra d’Israele.
25 Per il Dio di tuo padre – egli ti aiuti!
e per il Dio onnipotente – egli ti benedica!
Con benedizioni del cielo dall’alto,
benedizioni dell’abisso nel profondo,
benedizioni delle mammelle e del grembo.
26 Le benedizioni di tuo padre sono superiori
alle benedizioni dei monti antichi,
alle attrattive dei colli eterni.
Vengano sul capo di Giuseppe
e sulla testa del principe tra i suoi fratelli!
27 Beniamino è un lupo che sbrana:
al mattino divora la preda
e alla sera spartisce il bottino».
28 Tutti questi formano le dodici tribù d’Israele, questo è ciò che disse loro il loro padre, quando li ha benedetti; ognuno egli benedisse con una benedizione particolare.
Genesi 49:1-28


Altri moduli di questa unità: - Other modules in this unit: