Orfani e vedove, Giacomo 1:19-27

Libro di Giacomo, orfani e vedove.
48DC – Giacomo 1:27.
Giacomo scrisse di prendersi cura dei deboli entro la Chiesa.
La lettera di Giacomo è pratica per il vivere cristiano.

Lettura della Bibbia:

Ascoltare e Agire

1:19 Lo sapete, fratelli miei carissimi: sia ognuno pronto ad ascoltare, lento a parlare, lento all’ira. 20 Perché l’ira dell’uomo non compie ciò che è giusto davanti a Dio. 26 Perciò, deposta ogni impurità e ogni resto di malizia, accogliete con docilità la parola che è stata seminata in voi e che può salvare le vostre anime. 22 Siate di quelli che mettono in pratica la parola e non soltanto ascoltatori, illudendo voi stessi. 23 Perché se uno ascolta soltanto e non mette in pratica la parola, somiglia a un uomo che osserva il proprio volto in uno specchio: 24 appena s’è osservato, se ne va, e subito dimentica com’era. 25 Chi invece fissa lo sguardo sulla legge perfetta, la legge della libertà, e le resta fedele, non come un ascoltatore smemorato ma come uno che la mette in pratica, questi troverà la sua felicità nel praticarla.

26 Se qualcuno pensa di essere religioso, ma non frena la lingua e inganna così il suo cuore, la sua religione è vana. 27 Una religione pura e senza macchia davanti a Dio nostro Padre è questa: soccorrere gli orfani e le vedove nelle loro afflizioni e conservarsi puri da questo mondo.
Giacomo 1:19-27

altre informazioni:

Giacomo fu scritto circa nel 48DC. Il primo libro del Nuovo Testamento.


Altri moduli di questa unità: - Other modules in this unit: