Sansone 14mo Giudice d’Israele, Ebrei 11:32 e Giudici 13:1-16:13

L’uomo più forte della Bibbia Sansone [Distinto, Forte] della tribù di Dan, era il 14mo Giudice.
Fu Giudice d’Israele per venti anni, 1069AC-1049AC, leggere Giudici 13-17.
Aveva per amica Dalila [sofferente-fastidio]. Rimosse le porte sud-ovest della città di Gaza, spinse via i pilastri della casa di Dagon, uccidendo tutti i presenti e se’ stesso.

Lettura della Bibbia:

Ebrei 11:32
32 E che dirò ancora? Mi mancherebbe il tempo, se volessi narrare di di Gedeone, di Barac, di Sansone, di Iefte, di Davide, di Samuele e dei profeti,

e

Sansone 14mo Giudice d’Israele

La Nascita di Sansone

L’annunzio della nascita di Sansone

13:1 Gli Israeliti tornarono a fare quello che è male agli occhi del Signore e il Signore li mise nelle mani dei Filistei per quarant’anni. 2 C’era allora un uomo di Zorea di una famiglia dei Daniti, chiamato Manoach; sua moglie era sterile e non aveva mai partorito. 3 L’angelo del Signore apparve a questa donna e le disse: «Ecco, tu sei sterile e non hai avuto figli, ma concepirai e partorirai un figlio. 4 Ora guardati dal bere vino o bevanda inebriante e dal mangiare nulla d’immondo. 5 Poiché ecco, tu concepirai e partorirai un figlio, sulla cui testa non passerà rasoio, perché il fanciullo sarà un nazireo consacrato a Dio fin dal seno materno; egli comincerà a liberare Israele dalle mani dei Filistei». 6 La donna andò a dire al marito: «Un uomo di Dio è venuto da me; aveva l’aspetto di un angelo di Dio, un aspetto terribile. Io non gli ho domandato da dove veniva ed egli non mi ha rivelato il suo nome, 7 ma mi ha detto: Ecco tu concepirai e partorirai un figlio; ora non bere vino né bevanda inebriante e non mangiare nulla d’immondo, perché il fanciullo sarà un nazireo di Dio dal seno materno fino al giorno della sua morte».
Giudici 13:1-7
Continua dalla Giudici 13:1 – 16:31

altre informazioni:

Continuo’ a rompere le promesse fatte a Dio e cosi’ ne pago’ il prezzo. Sansone condusse una vita di contrasti: Separato come Nazarita – eppure ebbe a che fare con maligne associazioni, a volte spirituali, ma sotto il potere di appetiti carnali; fanciullesco nei suoi piani, eppure coraggioso in battaglia; possente nella forza fisica, eppure debole nel resistere alle tentazioni. Ebbe una fine triste.


Altri moduli di questa unità: - Other modules in this unit: