Portare la lettera, Colossesi 4:7-10

Portare la lettera 61DC.
Paolo, sotto arresto in casa a Roma, scrisse una lettera che oggi chiamiamo Colossesi.
La lettera fu consegnata da un messaggero, come era abitudine di quei giorni.
Colossesi, la nona lettera di Paolo e l’undicesimo Libro del Nuovo Testamento scritti nel 61DC.

Lettura della Bibbia:

Invio di Tichio e di Onesimo. Saluti finali

Notizie personali

4:7 Tutte le cose mie ve le farà sapere Tichico, il caro fratello e fedel ministro e mio compagno di servizio nel Signore. 8 Ve l’ho mandato appunto per questo: affinché sappiate lo stato nostro ed egli consoli i vostri cuori; 9 e con lui ho mandato il fedele e caro fratello Onesimo, che è dei vostri. Essi vi faranno sapere tutte le cose di qua. 10 Vi salutano Aristarco, il mio compagno di prigione, e Marco, il cugino di Barnaba (intorno al quale avete ricevuto degli ordini; se viene da voi, accoglietelo), e Gesù, detto Giusto, i quali sono della circoncisione; 11 e fra questi sono i soli miei collaboratori per il regno di Dio, che mi siano stati di conforto. 12 Epafra, che è dei vostri e servo di Cristo Gesù, vi saluta. Egli lotta sempre per voi nelle sue preghiere affinché perfetti e pienamente accertati stiate fermi in tutta la volontà di Dio. 13 Poiché io gli rendo questa testimonianza ch’egli si dà molta pena per voi e per quelli di Laodicea e per quelli di Jerapoli. 14 Luca, il medico diletto, e Dema vi salutano. 15 Salutate i fratelli che sono in Laodicea, e Ninfa e la chiesa che è in casa sua. 16 E quando questa epistola sarà stata letta fra voi, fate che sia letta anche nella chiesa dei Laodicesi, e che anche voi leggiate quella che vi sarà mandata da Laodicea. 17 E dite ad Archippo: Bada al ministerio che hai ricevuto nel Signore, per adempierlo. 18 Il saluto è di mia propria mano, di me, Paolo. Ricordatevi delle mie catene. La grazia sia con voi.
Colossesi 4:7-18


Altri moduli di questa unità: - Other modules in this unit: